Alien Passengers

by Lìbero.

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      €7 EUR  or more

     

1.
2.
3.
03:55
4.
03:59
5.
6.
03:05
7.
8.

about

“Un viaggio attraverso se stessi , per scoprire e scoprirsi.
Un percorso intimo e universale: è questo quello che Lìbero, giovane artista siciliano, ci propone attraverso il suo album d’esordio Alien Passengers.
Un gran bell’inizio in cui le stagioni e i paesaggi diventano stato d’animo di un ventenne che non rinuncia alle occasioni, ai sogni e alle illusioni che la vita gli regala.
E’ un viaggio pieno di speranza, in cui l’unione tra il nostro mondo interiore e quello che ci circonda diventa possibile.
Ascoltando l’album, non è difficile immergersi nei quadri che i testi e la musica permettono di immaginare, ed è naturale, così, viaggiare insieme a lui!” (Claudia Palermo – Muzi Kult)

credits

released January 17, 2017

Tutti i brani sono scritti, composti ed arrangiati da Lìbero Reina.

In copertina:
"Io che stringo il pugno il primo agosto 1997".
Calco di Lorenzo Reina
Foto di Christian Reina

In Studio:
Lìbero Reìna - Chitarra Acustica - Mandolino, Armonica e Voce.
Giuseppe Presti - Batteria e Percussioni
Federico Maniscalco - Basso Elettrico

Prodotto da Lìbero - Agosto 2016

license

all rights reserved

tags

about

Lìbero. Sicily, Italy

Lìbero. – classe 1994 - in arte ed anagraficamente – è un Artista Italiano nato tra i monti Sicani in Sicilia.
Autore e compositore, viene accompagnato dai suoi strumenti come la chitarra, il mandolino, l’armonica, l’ukulele ed il piano.
Un sound Folk, ma indipendente da quello classico, lo contraddistingue.
... more

contact / help

Contact Lìbero.

Streaming and
Download help

Track Name: Graminologica
Dicembre m’ha portato i tuoi occhi,
In mezzo alla neve di Gennaio
Sotto cui ho trovato il fiore più bello di Febbraio
e la luce più bella che poi sboccia a Marzo.
Aprile è un bacio sotto la luna,
atterro a Maggio a piedi nudi.
Aspetto Giugno che colora di giallo
i tuoi occhi grandi come i campi ed io..
Nei campi poserò il tuo corpo nudo assieme
al mio in un abbraccio che sa di rugiada
ed assaporerò ogni istante della calda logica
del grano ancora incolto.
E spazzerò gli steli dal tuo viso,
e spezzerò tutti i pensieri andati a male.
Ma l’acquazzone porta via anche te
arrivano gli altri a mietere il campo.
Ed arriva il momento di bruciare la terra,
E di bruciare il resto di noi.
Nei campi butterò tutte le mie paure,
tutti i miei mali invernali.
Da solo riuscirò a scrollarmi di dosso tutti questi tuoi sapori
E poi mi lascerò, ed il mio corpo nudo e logoro pace avrà
da ricordi che non gli appartengono più.
Track Name: Caffelatte e Foglie Rosse
Guardami, sono io.
Non avresti mai pensato che
Fossi ancora qui a spacciare realtà.
Guarda me.
Resto solo un giorno
Quindi, sai, sbrigati perché
Da domani poi cambio città.
E’ passata da qui
Licia che m’ha chiesto di non dirti alcune cose
Tipo che da domani non verrà.
E’ passato Nicola a dirmi che da domani inizia una nuova storia
Forse con Licia, chi lo sa..
Oggi ho perso il bus per la mia storia
Cosa avrei fatto chi lo sa
Forse preso un caffelatte con caffè caldo e latte freddo
E poi, e poi..
So solo che da dentro me è uscito questo autunno che
Sta in un barattolo con scritto su “Foglie rosse in Polvere”.
Oggi ho visto dio e m’ha detto che forse da domani pioverà
È uno strano momento per avvisare..
Non ho nulla con me solo la mia storia e quella degli
Altri che verranno a chiedermi delle spiegazioni su di te.
Track Name: Libero
Cerco un mondo che si addossi le mie colpe e le mie fantasie
Cerco un mondo che vada avanti portandosi dietro anche me,
cerco un mondo che sia il nostro e che renda felice un uomo
un uomo che poi vada avanti non lasciando indietro tutti quanti.
Credo nel bene e nel male e nel mezzo mi son confinato
Credo alla luce ed al buoi ed al tramonto ho sperato
Sono bianco ed un po’ nero e nel grigio vivo intero
E quando libero sarò tornato ogni momento sarà dimenticato.

E sono Lìbero di tornare,
Lìbero di camminare,
Lìbero di urlare al cielo ed alla luna.
Libero di fare meglio, più degli altri in un fardello
Libero di amare ciò che credo sia amore.

Ma vedo un mondo che non si addossa le mie colpe e le mie fantasie
Vedo un mondo che non va avanti lasciandosi dietro anche me
Vedo un mondo che non è nostro e non rende felice un uomo
Un uomo che poi vada avanti non lasciando indietro tutti quanti.
Track Name: Hope #232
Partiremo dopo l’alba senza i sentieri dei Baobab.
Davanti a noi solo una nuvola,
che stringe forte il pensiero di bruciare.
Sarò le orme dietro di me.
Mi lascerò pian piano e lontano,
finché non sarò soltanto il sentiero,
che porterà la tua luce nel mio soffio.
Voleremo dopo gli astri,
tra le case dei ricordi.
Davanti a noi solo il silenzio,
che stringe forte il pensiero di urlare.
Stai con me, e stringi forte il pensiero di trovarmi ancora qui.
Track Name: Le città di carta
Le città di carta volano
Ma solo quando fuori è già settembre.
Vibrano gialle bianche e rosse
E trasportano le nostre verità.

Senti?
Settembre è già qua.
Senti un suono sordo che sa..
Riscaldare ogni piccola città
Di questa strana
Realtà
Track Name: #Memories
Sistemi i tuoi bei capelli blu,
davanti i vetri chiusi accesi della metro.
La gonna lunga e la sciarpa rossa,
con un sorriso che mi spacca a metà.
In braccio stretti un paio di libri,
i tuoi grandi occhiali parlan da sé.
Mille bracciali, da mille parole, ed in cuffia un motivetto..

E dolcemente t’ho vista così,
davanti i vetri chiusi accesi della metro.
Con la gonna lunga,
e la sciarpa rossa
ed un sorriso che mi spacca a metà.
Track Name: Storie da qui dentro
Guardo l’oltre e cerco là,
l’atmosfera di chi non sa.
Con gli occhi bassi e frastornati,
di chi ama la sua età.

Chiudo gli occhi e cerco lì,
c’è chi non vive giù di qui.
Le prospettive rincorrono
chi non vive a testa in giù.

E’ l’atmosfera di chi non sa,
di amare la sua età.
C’è chi non vive più giù di qui,
credevo di non esserci neanche io.
Track Name: Alien Passengers
Waiting for a great nation.
Waiting for a little sensations,
Waiting for this,
And the sound it’s so good.

Leaving populations,
When your heart isn’t law,
What am i doing here?
I can’t seen my stars.

Living in my dream,
Where the sky becomes hope,
Living here, beside you.

And waiting to take flight,
and Stick up your ass your pretty lies,
Maybe we are born,
To live under a new stars.

I’m just an Alien Passenger
I’m here in my, you’re and their mind/time
I’m just an Alien Passenger,again.

But I can feel,
I can feel my eyes shut down on my place
When the mountains touch the stars
And I feel his air on my naked wings,
And I hear my heartbeat so strong.

I’m just an Alien Passenger and,
i’m a long way from home.

If you like Lìbero., you may also like: